Studiare all’estero? Un’importante opportunità di crescita!

Un anno di studio all’estero è un’importante occasione di crescita umana e formativa per i ragazzi.

Infatti, i dati di una ricerca condotta da YFU – Youth for understanding Italia, un’organizzazione internazionale no-profit specializzata da oltre 60 anni in interscambi culturali, lo dimostrano scientificamente.

SAVERIO BARBAGALLO

I dati emersi mettono in evidenza come esista una generazione di ragazzi coraggiosi, desiderosi di aprirsi al nuovo, intraprendenti, motivati e disposti a mettersi alla prova, che decidono di lasciare le loro sicurezze per intraprendere una vera esperienza di vita in un paese diverso dal proprio.

In particolare dall’analisi di un campione di 272 questionari somministrati ad esperienza conclusa, emerge che:

  • Il 76% dei ragazzi incrementa il valore dell’ottimismo, cioè la capacità di vedere le cose dal lato migliore e di mantenere un atteggiamento di concretezza anche di fronte agli ostacoli. I ragazzi, al termine del programma, aumentano la capacità di affrontare situazioni nuove e complesse, di conseguenza la visione positiva sul futuro viene incrementata.
  • Il 75% degli studenti aumenta la propria tolleranza allo stress cioè la capacità di resistere agli eventi avversi e a situazioni di tensione senza “crollare” affrontando le avversità in maniera attiva e positiva. Effettivamente l’esperienza, che non è una vacanza, pone i ragazzi davanti a diverse difficoltà: l’adattamento ad una nuova lingua, a una nuova cultura, a nuove relazioni familiari, ad un percorso di studio nuovo. Senza contare la lontananza, fisica ed emotiva, dal proprio paese, dalla propria famiglia e dagli amici.
  • Il 70% aumenta l’autoconsapevolezza emotiva, cioè la capacità di riconoscere i propri sentimenti ed emozioni.
  • Il 68% incrementa la considerazione e la stima di sé, grazie alle relazioni con il prossimo e alle sfide quotidiane, affrontate con maggior fiducia.
  • Il 69% aumenta la propria flessibilità, la capacità di adattare emozioni, pensieri e comportamenti alle situazioni e alle circostanze che cambiano.

Giorgia Piras Australia

L’analisi dei dati sul valore dell’EQ-i mostra come chi parte per quest’esperienza già con un valore elevato lo migliora ulteriormente, confermando e rafforzando, pur in un contesto diverso da quello delle proprie origini, le sue qualità e risorse.

abbraccioAutore: Redazione Milano

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *