Peter Pan vola in aiuto dei bambini

C’era una volta…

Quasi tutte le fiabe iniziano così ma anche quelle favole che ogni giorno viviamo, potrebbero avere questo inizio.

C’era una volta quindi un autore che decise, per un concorso, di cimentarsi in un sequel dedicato a Peter Pan.

I luoghi e il “suo” Peter, insieme a tutti gli altri personaggi, dovevano essere esattamente come nel mitico originale di James Mattew Barrie ma la storia poteva crearla totalmente lui. Purtroppo il concorso non lo vinse ma non disperò, si era talmente affezionato ai suoi ragazzi che decise di rendere davvero eroiche le loro gesta: decise di donare i diritti della vendita del libro ad una ONLUS differente ogni anno.

Peter Pan e la Straordinaria Macchina di Lord Rubbish di Max J. Aldridge

Nel 2014 la scelta è ricaduta su una associazione che da quindici anni si occupa di contrastare la pedofilia e l’abuso sui minori: IAD BAMBINIANCORA.

Quell’autore è Max J. Aldridge e il libro è “Peter Pan e la Straordinaria Macchina di Lord Rubbish”. Di fantasia e realtà è carica tutta questa vicenda, sì, perchè il nome dello scrittore è uno psudonimo creato ad arte e la realtà è che le vendite del libro sono andate benissimo, sia nel formato ebook che in quello cartaceo.

spugna peter pan lord rubbish nina cuneo max j aldridge Corre l’anno 1907 e Wendy, ormai tredicenne, frequenta l’Istituto per Signorine di Nobili Famiglie Decadute di Miss Worksham. Durante le ore di collegio, la ragazzina diventa amica di Betty Ffink Pfenninger Jones, una piccola orfana posta sotto tutela di Lord Brian Conte di Dollingmere, zio della bambina e ricco uomo d’affari che gestisce due orfanotrofi nel cuore di Londra e che ha recentemente vinto dal comune l’appalto per la gestione della discarica dei rifiuti della capitale. Wendy, animo gentile, vedendo la sua amica spesso triste, le racconta le meravigliose avventure da lei vissute insieme a Peter Pan. Da parte sua Lord Brian, spregiudicato ma anche simpaticissimo, è preoccupato di come utilizzare al meglio l’enorme quantità di rifiuti che trasporta quotidianamente nella sua discarica.

Ciò che colpisce del libro non è solo l’avvincente storia, ma anche il fatto che non è dedicata solamente ai ragazzi più giovani ma anche ai loro genitori. Sono infatti tante le tematiche interessanti trattate nel coccodrillo peter pan lord rubbish nina cuneo max j aldridgeracconto: l’ecologia, lo sfruttamento del lavoro minorile e molto altro. Meritano una menzione anche le deliziose illustrazioni ad opera di Nina Cuneo, illustratrice dello Studio Armad’illo di Milano.

Chi si è appassionato al libro sarà felice di sapere che nell’ultima pagina di “Peter Pan e la Straordinaria Macchina di Lord Rubbish”, viene preannunciata un ulteriore sequel e se ne fornisce anche il titolo (Peter e Uncino ai Caraibi).

Curiosi? Acquistare “Peter Pan e la Straordinaria Macchina di Lord Rubbish” è facile: il formato ebook si trova su Amazon, a soli 3.99 euro, all’indirizzo: http://www.amazon.it/Peter-straordinaria-machina-Rubbish-ebook/dp/B00D2ZH9MC

 Autrice: Federica Alderighi

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Peter Pan vola in aiuto dei bambini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *