Colf e badanti: i consigli del nostro esperto

Come ormai noto a tutti, l’aspettativa di vita e quindi l’età media della popolazione cresce sempre più e con essa il numero delle persone non autosufficienti. Moltissime famiglie si trovano quindi nella condizione di doversi far aiutare, nell’assistenza agli anziani, da una colf o badante.

Ma come fare? È necessario assumere la colf/badante? Come regolarizzare la sua posizione? Come tutelarsi da eventuali futuri problemi?

contrattionline

L’avvocato Camilla Mantelli, che da 15 anni si occupa di contrattualistica ed è l’ideatrice e responsabile legale di www.contrattonline.it (sito interamente dedicato ai contratti per privati ed imprese), ha risposto alle domande più frequenti dei futuri datori di lavoro di una colf o badante.

Come scegliere la colf/badante?

“Innanzitutto, effettuate un’attenta analisi e verifica delle referenze. Ricordate che la colf/badante diventerà, a tutti gli effetti, un nuovo convivente nella casa, con accesso libero agli spazi comuni e personali dei membri della famiglia. E’ consigliabile selezionare  soggetti di cui si abbiano almeno due referenze, incondizionatamente positive, da parte di famiglie che non si conoscono tra loro”.

Come si assume una colf/badante?

“È importantissimo che il rapporto di lavoro sia regolato da una lettera di assunzione nella quale sia puntualmente dettagliata la collaborazione che ci aspetta da lei (o lui), e precisamente:

  • le mansioni (citatele tutte, anche quelle minori o eventuali), con specificazione dell’inquadramento ai sensi del CCNL Lavoro Domestico
  • l’orario (comprese le ferie, i permessi retribuiti e non, le libere uscite, etc)
  • la sistemazione (anche se in eventuali altre sedi, tipo seconda casa, alberghi, etc), precisando ogni aspetto relativo a vitto e alloggio
  • la retribuzione (inclusi i criteri per il computo e le scadenze per il pagamento di stipendio, tredicesima, ferie e TFR), e la ripartizione tra datore di lavoro e dipendente dei contributi Inps
  • la durata del contratto (compreso il periodo di prova) e le cause di risoluzione anticipata.

Tale lettera di assunzione deve contenere tutti i dati identificativi delle parti (tra cui luogo e data di nascita, codice fiscale, numero di carta di identità e/o dell’eventuale permesso di soggiorno, nonché indirizzo di residenza), e deve essere corredata da tutti i documenti citati nell’epigrafe, nonché firmata dalla colf/badante e conservata dal datore di lavoro”.

Infine il datore di lavoro è tenuto ad espletare tutte le pratiche relative al rapporto di lavoro appena instaurato presso Inps, Inail e Prefettura, nonché a versare i contributi Inps con cadenza trimestrale”.

Come tutelarsi?

“Per tutelarsi contro potenziali controversie e richieste indebite da parte della lavoratrice, qualsiasi aspetto nuovo o diverso dell’attività lavorativa che si pattuisse tra le parti, successivamente alla firma della lettera di assunzione, deve essere disciplinato per iscritto e firmato, e qualsiasi anticipazione di stipendio, tredicesima o TFR deve essere effettuata solo a fronte del rilascio di specifica quietanza liberatoria da parte della dipendente. Inoltre, è importante che tutti i pagamenti siano tracciabili e quindi avvengano mediante assegno o bonifico bancario”.

A chi rivolgersi per farsi aiutare?

“Per quanto riguarda la selezione della colf/badante, esistono ormai – oltre alle numerose agenzie specializzate, sia tradizionali che online – svariate associazioni di categoria, sia di badanti che di datori di lavoro, che forniscono ai propri iscritti ed al pubblico elenchi, indicazioni e suggerimenti per individuare il soggetto più idoneo a soddisfare le varie esigenze delle famiglie.

Per quanto riguarda, invece, la redazione della lettera di assunzione (la cui importanza non smetterò mai di ribadire), e’ opportuno affidarsi a professionisti che ne garantiscano la correttezza e la completezza.

 Autore: Redazione Milano

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

9 risposte a “Colf e badanti: i consigli del nostro esperto

  1. finalmente qualcosa di semplice che aiuta la gente a districarsi in questo mondo complesso…. ma funziona anche per qualsiasi tipo di contrattualistica?

  2. Spiegato in termini molto chiari e semplici rispetto ad alcune associazioni di categoria alle quali mi sono in passato dovuto rivolgere

  3. Ben scritto e facilmente comprensibile! Grazie perché spesso non è facile districarsi in un mondo di leggi e normative non sempre chiare e che necessitano di infinita burocrazia!

  4. Un’iniziativa interessante e giuridicamente moderna che rende più veloci molte trafile burocratiche.
    Complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *