ActionAid e Fondazione Milan insieme contro la discriminazione di genere e l’esclusione sociale

Cosa ci fanno una juventina, un milanista e un interista al Swiss Corner di martedì sera?

desciglioPartecipano alla presentazione di un bellisimo progetto nato dalla collaborazione tra l’Organizzazione internazionale ActionAid Italia International e la Fondazione Milan Onlus, che hanno scelto di scendere in campo insieme per promuovere lo sport quale strumento per combattere gli stereotipi di genere e l’esclusione sociale, favorendo l’inserimento formativo e lavorativo dei giovani NEET nelle aree periferiche di Milano.

Ascolta le parole di Mattia De Sciglio, testimonial dell’iniziativa:

Due i progetti ActionAid che Fondazione Milan ha scelto di sostenere: Play for Change e Lavoro di Squadra.

Il progetto Play for Change terminerà a giugno, quando sarà realizzato un Torneo Sportivo a Milano, al quale parteciperanno delegazioni di alunni di ogni Istituto Scolastico.

Il secondo progetto, Lavoro di Squadra, promosso da ActionAid e Fondazione Milan in partnership con AXA Cuori in Azione, e con il supporto operativo del Centro Vismara, è un percorso annuale (marzo 2015 – febbraio 2016) che coinvolge giovani dai 15 ai 24 anni residenti nella Zona Milano Gratosoglio (Zona 5) e si pone l’obiettivo di contribuire all’attivazione di giovani NEET (Not in Education, Employment or Training), proponendo un percorso gratuito fatto di attività motoria e sportiva di qualità e di “allenamento motivazionale”. La pratica sportiva, infatti, se impostata in modo appropriato, può dare una risposta alla sfiducia e al rischio di esclusione e disagio sociale, in quanto aumenta l’autostima e la fiducia in sé stessi, sviluppa il senso di squadra e di collaborazione e aiuta a ragionare per obiettivi motivando a raggiungerli. A partire dalle risorse personali e di rete di ciascun partecipante, i partner tecnici del Milan e ActionAid costruiranno un percorso di miglioramento della situazione dei ragazzi, in particolare mediante azioni che possano permettere un’attivazione dei giovani e li aiutino a ritrovare la motivazione per cercare un’occupazione professionale, un’attività di volontariato sul territorio, oppure riprendere un percorso di formazione. Attraverso un servizio consulenziale e l’uso di strumenti e metodologie specifiche, i ragazzi verranno aiutati ad individuare un proprio progetto professionale e formativo, partendo dai bisogni espressi e dalle risorse di ciascun partecipante.

play fondazione milan

“Per Fondazione Milan è un onore collaborare con ActionAid – racconta Rocco Giorgianni, Segretario Generale di Fondazione Milan – che ci affianca in questo progetto, apportando non solo un aiuto concreto ma anche un sopporto in termini di esperienza nella lotta all’esclusione sociale. Noi crediamo che lo sport possa essere un elemento fondamentale per la formazione e la crescita degli individui, soprattutto per chi si trova in situazione di difficoltà come i ragazzi coinvolti nell’iniziativa presentata oggi”.

Ascolta l’intervista a Rocco Giorgianni, Segretario Generale di Fondazione Milan

Siamo lieti di avere Fondazione Milan al nostro fianco, lo sport allena non soltanto il fisico, ma anche valori fondamentali come l’impegno, il rispetto, la legalità, lo spirito di squadra, la cooperazione, l’orientamento al risultato” – dichiara Marco de Ponte, Segretario Generale di ActionAid Italia – “La nostra Organizzazione da sempre crede nelle potenzialità della pratica motoria e promuove nei propri progetti l’inserimento del linguaggio sportivo quale volano per sensibilizzare i più giovani a favore della solidarietà e dell’integrazione sociale.

Autore: Marta Ferrari

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *