La parrucca di Elsa fai da te

E’ carnevale e la maggior parte delle bimbe sono impazzite per il personaggio di Elsa di Frozen, ovviamente mia figlia non è stata da meno, così con pazienza ho preso ago e filo e le ho cucito il vestito su misura ma è stato il tocco finale ad essere decisivo! Ciò che ha fatto la differenza e ha suscitato l’invidia di mamme e compagne di scuole è stata la parrucca! Già, perchè in fin dei conti il vestito si può trovare nei negozi specializzati… ma non la parrucca!

Qui di seguito trovate il tutorial (con foto, ovviamente) per creare una fantastica parrucca di Elsa, non spaventatevi perchè non richiede grandi abilità ma solo una buona dose di pazienza e molta attenzione con la lana affinchè non si imbrogli.follie di pezza parrucca frozen 4 tutorial
Occorrente:follie di pezza parrucca elsa 1

  • lana, circa 250/270 di quella grossa;
  • una calza;
  • colla a caldo;
  • gessetto per tessuti;
  • forbici;
  • filo.

 

 

Decidete la lunghezza della treccia e quindi procedete a srotolare il gomitolo avvolgendolo  attorno alle gambe di un tavolo o agli schienali delle sedie. Tenendo una estremità della lana con una mano, tagliate dal lato opposto e posizionatela sullo schienale di una sedia, se possibile pettinatela con un pettine di legno largo oppure con le dita come se fossero capelli veri.        follie di pezza parrucca elsa 3
Prendete ora le calze e con il gessetto fate delle linee all’attaccatura delle gambe, leggermente curve. Tagliate con le forbici e ricucite. Le vostre calze così avranno l’aspetto di una cuffia. Fatela indossare a vostra figlia e fate un segno all’altezza delle orecchie.follie di pezza parrucca elsa 2
Poco alla volta procedete a cucirvi sopra la lana, che va sempre presa dal centro facendo attenzione a non imbrogliarla e a mantenere sempre la stessa lunghezza. Posizionate il centro della lana lungo il bordo della calza e cucite con un punto zigzag, partendo da uno dei due segni appena fatto fino ad arrivare all’altro. Otterrete così un bella frangia.-follie di pezza parrucca elsa 4
Segnate ora sulla calza dove volete fare la riga, io per mio gusto ho scelto al centro, voi fatela dove preferite. Cucite la restante lana, eccetto una piccola quantità, lungo la linea tratteggiata. Questa volta ho preferito un punto lungo per accentuare l’effeto riga. Quando siete arrivati alla  nuca cucite l’ultimo quantitativo a vostra disposizione come avete fatto per la frangia come ad ottenere un T.-7
Una volta che avete cucito tutta la lana sulla cuffia, pettinatela e fate in modo che il tutto abbia un aspetto quanto più omogeneo possibile. Precedete a bloccare la lana incollandola con la colla a caldo partendo dalle cuciture fino a circa 10 cm verso il basso.follie di pezza parrucca frozen 1 tutorial
Infine riposizionate la cuffia sulla testa di vostra figlia,  tirate indietro la frangia e utilizzatela per fare la treccia, prendete piccole ciocche partendo dall’alto e continuate fino a quando non saranno tutti raccolti.

follie di pezza parrucca frozen 2 tutorial

Lascite fuori solo qualche piccola ciocca davanti che utilizzerete come frangia, quello che tagliate utilizzatelo per raccogliere la treccia alla fine e per creare l’effetto corto sul davanti come Elsa nel cartone animato.follie di pezza parrucca frozen 3 tutorial
In ultimo, dato che la parrucca avrà un certo peso per evitare che scivoli, cucite o incollate un pettinino al centro davanti sotto la parrucca e incastratela nei capelli fermati con un elastico o con una treccia.
Et voilà con un pò di pazienza ecco la vostra parrucca, ideale per Elsa, ma utilizzabile anche per Rapunzel, vedrete che le vostre piccole non se la vorranno togliere neanche per andare a dormire

Buon lavoro e buon divertimento

follie di pezza parrucca frozen 3 tutorial

Autrice: Francesca Pistacchio

follie di pezza logo

 

 

Follie di Pezza – Creazioni Artigianali

di Francesca Pistacchio

francesca.pistacchio@folliedipezza.it

www.facebook.com/folliedipezza

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *